Tag Archive sicurezza magazzino

Sicurezza scaffalature: le norme di calcolo

Classificazione delle scaffalature

Le scaffalature rientrano nella categoria delle attrezzature da lavoro e rappresentano uno strumento essenziale per garantire maggiore produttività e, soprattutto, ordine nell’organizzazione del lavoro. La loro classificazione si basa essenzialmente sulla modalità di produzione e sulla funzione cui sono destinate. Esse si distinguono in:

– Scaffalature leggere

– Scaffalature medie e pesanti

– Scaffalature molto pesanti

Alla prima categoria appartengono scaffalature destinate ad archivi, magazzini o negozi. Della seconda categoria fanno parte strutture Portapallet, Drive in, Drive through e Cantilever. Alla terza, infine, appartengono scaffalature con portata compresa tra le cinque e le venti tonnellate.

Il calcolo strutturale per la sicurezza scaffalature

Per sicurezza scaffalature si intende sia il problema inerente il calcolo strutturale, sia quello connesso all’utilizzo vero e proprio della struttura. Quando si tratta di realizzare delle scaffalature, i produttori le suddividono in tre classi, due delle quali sono regolamentate da una normativa specifica. Nella prima classe sono inclusi i soppalchi e le strutture autoportanti, considerati dalla legge come dei veri e propri edifici e, in quanto tali, soggetti alle leggi previste per le costruzioni antisismiche. Tali scaffalature devono essere progettate seguendo le Norme tecniche per le costruzioni, approvate con Decreto Ministeriale del 14.1.2008. Alla seconda classe appartengono le scaffalature destinate a negozi e magazzini, la cui produzione è regolamentata dal Decreto del 9.1.1996. Infine, nella terza classe rientrano scaffalature di piccole dimensioni non sottoposte ad alcuna normativa specifica.

Normative che regolamentano l’uso delle scaffalature

La normativa che si occupa, invece, della sicurezza delle scaffalature durante il loro utilizzo è costituita dal decreto legislativo 626/94. Tale decreto stabilisce che, in fase di progettazione, i progettisti debbano tener conto di tutti gli eventuali danni che la struttura potrebbe subire in seguito ad eventuali urti. Allo stesso modo, il proprietario/committente della scaffalatura deve individuare e prevedere tutti i rischi connessi all’uso della scaffalatura stessa.

Certificazione scaffalature metalliche: una garanzia di sicurezza

La sicurezza

La sicurezza delle scaffalature metalliche assume enorme importanza, in special modo quando queste raggiungono grosse dimensioni, all’interno di complessi industriali.

Certificazione scaffalature metalliche

Nella certificazione scaffalature metalliche, la sicurezza strutturale  prende in considerazione due problemi: il calcolo strutturale vero e proprio e la sicurezza strutturale derivante dall’uso delle scaffalature. Il calcolo strutturale  è garantito dal rispetto di apposite norme di settore che indicano specifici parametri da rispettare, per garantire la portata e il comportamento in caso di sisma. Inoltre, viene presa in considerazione anche la sicurezza che riguarda l’appoggio del pallet sulla scaffalatura e la tenuta statica del pallet stesso, concetti espressi in norme internazionali. Per quanto riguarda la sicurezza strutturale derivante dall’utilizzo della struttura, il progettista deve prendere in considerazione una serie di variabili, come gli urti da carrelli elevatori o l’errore umano nel posizionare sui ripiani carichi superiori alla portata della struttura. Per quanto riguarda gli urti da mezzi meccanici il committente dovrà avere cura di valutare i rischi presenti e, se del caso, prevedere la realizzazione di adeguati sistemi a protezione delle scaffalature stesse. Per gli errori di posizionamento di carichi eccessivi, oltre la portata dei ripiani, è necessaria l’adeguata formazione del personale e l’indicazione, sui ripiani, dell’esatta portata di ciascun piano. Oltre all’utilizzo di pallet rispondenti alle norma di settore. Va da sé che eventuali cambiamenti nella destinazione d’uso e, con loro, dei pesi posti sulla scaffalatura dovranno obbligatoriamente essere oggetto di una revisione di tutti i calcoli da parte di personale specializzato. Anche la resistenza al fuoco, in casi specifici, può essere oggetto di richiesta al progettista che si interfaccerà con i Vigili del Fuoco e/o con il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione. Infine la protezione dei lavoratori dai contatti elettrici diretti ed indiretti  derivanti dagli impianti elettrici e dai macchinari da essi asserviti.

La professionalità

E’ indubbio che la sicurezza di queste strutture sia fondamentale, per questo è di vitale importanza rivolgersi ad aziende che posseggano le necessarie competenze e conoscenze, insieme all’impiego di personale particolarmente formato, in grado di far fronte in modo serio alle diverse problematiche.

Che cos’è la certificazione impianti magazzino?

Impianti per magazzino: i servizi di Marchetto Srl

Marchetto Srl è un’azienda operante in provincia di Padova e affermata nel campo della carpenteria metallica. Questa realtà, che vanta anni di esperienza nel settore, offre ai propri clienti un servizio di fornitura di impianti: gli impianti per magazzino, nello specifico, riescono a soddisfare le esigenze più disparate di tutti i clienti. Il servizio offerto da Marchetto Srl, infatti, consente di portare a termine con successo la realizzazione e la ristrutturazione di magazzini e altri edifici destinati a uso industriale; a garantire la qualità delle opere è innanzitutto la certificazione per impianti magazzino. Che si tratti di un impianto antintrusione o di un impianto antincendio, essere in possesso di una certificazione ufficiale significa poter offrire ai propri clienti una garanzia di qualità.

Certificazione impianti magazzino: che cos’è?

La certificazione impianti magazzino viene prevista dalle normative vigenti a prescindere dal tipo di impianto e dalla destinazione d’uso dell’edificio. Le aziende che offrono un servizio di fornitura, perciò, devono consegnare al termine dei lavori un’apposita dichiarazione di conformità relativa all’impianto appena realizzato. Questo documento, al tempo stesso, è indispensabile affinché venga rilasciato il certificato di agibilità dell’edificio.  

Perché è importante la certificazione impianti per magazzino?

La certificazione impianti per magazzino è importante sia per essere in regola con la legge sia per offrire ai propri clienti un’ulteriore conferma della qualità dell’opera consegnata. Gli impianti che ottengono la certificazione ufficiale rispondono a determinati requisiti di qualità che riguardano i materiali utilizzati, il tipo di lavorazione e le prestazioni che gli impianti stessi sono in grado di garantire. Marchetto Srl fornisce ai propri clienti impianti per magazzino completi di certificazione ufficiale e conformi alle normative vigenti: i clienti, perciò, hanno la certezza della qualità e della durevolezza degli impianti stessi.

Sicurezza magazzino: consigli per l’uso dei carrelli

sicurezza-magazzino

La serietà di un’azienda inizia dalla sicurezza magazzino

Le attenzioni che un’azienda dedica alla sicurezza magazzino, in particolar modo a quelli in cui la presenza di scaffalature rende indispensabile l’uso dei carrelli, ne sottolinea la serietà. Tenendo conto di poche regole è infatti possibile evitare pericolosi incidenti sul lavoro. In primo luogo occorre sempre tener conto degli spazi di manovra dei vari carrelli così come deve essere sempre rispettato il carico massimo e l’altezza consentita per lo stoccaggio della merce. Anche il tipo di pavimentazione presente all’interno dei magazzini aziendali richiede una meticolosa valutazione che permetta di tener conto, durante la movimentazione della merce, di zone sconnesse e di tratti con salite e discese.

Continua la lettura…

L’importanza della manutenzione per l’efficienza e la sicurezza magazzino

sicurezza-magazzino

Efficienza e sicurezza magazzino: come garantirle

Una volta progettata e realizzata un’opera, sia che si tratti di una struttura civile che industriale, è di fondamentale importanza mettere in previsione degli interventi di manutenzione, per evitare che eventuali contrattempi vadano ad ostacolare il normale e ottimale svolgimento dei lavori, ma anche per non andare a compromettere la sicurezza magazzino e quindi delle persone che lavorano in quella data struttura. Con degli interventi di manutenzione ordinaria, inoltre, si può evitare di dover intervenire all’improvviso, quando il danno è di maggiore entità e richiede quindi degli interventi più invasivi e più costosi.

Continua la lettura…